Water, Water, Everywhere!

La tempesta può essere terrificante e mietere molte vittime.

La bonaccia è anche peggio. Prezzo che si paga ad uccidere qualcosa di sacro il cui fantasma ti tormenta.

Ma quando l’hai scampata, se l’hai scampata, non ti resta che cercare ancora tempesta e solcare nuovi Mari.

E, quando arriva, un ghigno si accende sul volto di chi ha la pelle coperta di sale. Perché tempesta è ciò che si cerca.

Gocce grosse come il palmo aperto della mano teso al cielo. Sono percussioni sull’albero maestro.

Saldo il timone, tenere barra dritta verso l’orizzonte. Come galoppare sulla cresta delle onde. Seguendo la distorsione delle chitarre.

Melodia della tempesta.

[On Air: S.T. Coleridge feat. Iron Maiden-The Rime Of The Ancient Mariner]

 

Questa voce è stata pubblicata in fulmini e saette, giudizi universali, Senza categoria, temporali. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Water, Water, Everywhere!