Arriva anche la tanto desiderata desertica rassegnazione. Non per l’aridità, ma per la mancanza di orizzonti a portata d’occhio umano. E’ come se avessi vissuto tutto, non tutto quello che c’è da vivere, ma tutto quello che di bello mi sia concesso.

Gli unici pensieri che mi consolano il cuore sono i ricordi e non aspetto null’altro che non sia quel che ho già.. La mancanza è di desideri e mete da raggiungere, mete da conquistare, sensazione di aver esaurito tutte le combinazioni..

Non sto bene e non sto male.

Semplicemente sto.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.