O ti ricordi perché?

Certe notti sono come quel vizio che non voglio smettere, smettere mai. Certe notti si mescolano le carte e ti capita una mano in cui c’è tutto, perfino quel futuro che pretende d’entrare.

Certe notti è un ricordo vivo quello che ti avvolge, e capisci di nuovo, come fosse la prima volta anche se non l’hai mai dimenticata, chi hai amato, chi ami e perché ami davvero, ancora, e l’amore non ti abbandona mai, chissà perché. Forse per farti ancora un po’ a pezzi.

Certe notti c’è solo la musica, gli occhi sulle dita che accarezzano le corde e le braccia di chi ti tiene al sicuro, e finché ci sono non hai nulla da temere e tutto il resto è meno di zero. Certe notti c’è chi ti vuole bene e per questo ti coglie al volo e ti toglie da una mischia in cui ti trovi o ti butti, perché vuoi esser grande, anche se sei piccola.

 

Questa voce è stata pubblicata in cielo di luglio. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.