No Ceiling

E l’hp di facebook pullula di indicazioni dal gps che ti sbattono in faccia la presenza, vera, presunta o desiderata, nelle località turistiche più esclusive; album pieni di scatti di stabilimenti, sorrisi col rossetto in spiaggia, calici traboccanti di costose bollicine; non una goccia di sudore, non un granello di sabbia sulle dita dei piedi perfettamente smaltate,  borse firmate annoiate che dondolano pigramente appese agli ombrelloni, di peli superflui nessuna traccia, anzi: nominarli è bestemmia.

E poi c’è chi, povero tapino, sogna un Altrove, un non-luogo fatto solo di pace nel cuore. Che non si può comprare.

“Ho vissuto molto, e ora credo di aver trovato cosa occorra per essere felici: una vita tranquilla, appartata, in campagna. Con la possibilità di essere utile alle persone che si lasciano aiutare, e che non sono abituate a ricevere. E un lavoro che si spera possa essere di una qualche utilità; e poi riposo, natura, libri, musica, amore per il prossimo. Questa è la mia idea di felicità. E poi, al di sopra di tutto, tu per compagna, e dei figli forse. Cosa può desiderare di più il cuore di un uomo?”. Lev Tolstoj

[On Air: Eddie Vedder-No Ceiling]

Questa voce è stata pubblicata in cielo e basta. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.