L'Attesa

Gli attimi più lunghi sono quelli in cui stai per uscire di casa, quando hai un appuntamento importante. E davanti allo specchio ti guardi fissa negli occhi mentre abbottoni la giacca a doppiopetto, il bottone interno. Sembra immota la tua espressione. Niente che tradisca il fermento, l’ansia dell’attesa. Il chiederti se proprio ora che sembra fatta e manca un soffio, gli aeroporti resteranno aperti nonostante la neve. -Non ora, no, per favore-. Si solleva l’angolo sinistro della bocca, il bottone esterno in alto.  Ripensi al tempo volato, eppure così pieno di questi pensieri, quelli che ti hanno portato fin qui. L’ultimo bottone e poi tendi i petti. Ti si chiude alla perfezione con la sagomatura sulla vita. Smetti di pensare. E vai.

[On Air: Gotan Project-Last Tango in Paris]

Questa voce è stata pubblicata in cielo sospeso, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

11 risposte a L'Attesa