A Riccio

Mi arrotolo su me stessa e lascio in vista solo gli aculei, per scoraggiare chiunque volesse avvicinarsi… Non è il momento della fiducia, né quello della speranza.

Questo è il momento dell’abbandono alla terra, senza riserve.

Quanto amore sprecato, che non serve a nulla: non nutre, non sfama, non disseta, non ristora, non culla.

Ho sonno, solo un sonno atavico. Le lacrime si sono asciugate, le vene si sono seccate, pensando all’amore sterile.

Questa voce è stata pubblicata in Blu. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.