Pronta. Come non lo sono mai stata, con un po' di tremore e senza paura, ti accoglierò, Vita, se vorrai donarmi la grazia di sorprendermi ancora. Con L'Amore che sarà l'ultimo. 
Sono stanca di chi non lotta, di chi mi guarda e non mi vede, ammira, venera e non allunga la mano per toccarmi, ferirmi e sanarmi, prendermi e tenermi. Stanca di chi mi lascia passare come il tempo, di chi ha condiviso e segnato un'intimità spirituale impossibile da cancellare, ma che è possibile ridimensionare, o di chi invece torna ad essere uno sconosciuto. Stanca di preoccuparmi anche quando non serve o non è richiesto, perché tanto gli altri vanno avanti, come è giusto che sia, mentre io sto qui a deporre le armi ogni volta che posso ferire il colpo finale, e metterle nelle mani di chi poi mi colpirà senza pietà. Perché la vita è questo. E io non riesco a far altro se non che soccombere.
Donami l'ultima occasione, che sia però l'ultima, senza dover provare più dolore per ciò che finisce, per quello che passa senza restare e per le ferite perenni. Quella che sia. Sempre e Per Sempre.

[On Air: Smashing Pumpkins-Thirty Three]

Questa voce è stata pubblicata in alta tensione, cielo gonfio, cielo immaginato, cielo onirico, cielo sospeso, cielo vuoto, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.