SoulWave

Le tue fragilità non mi muovono a compassione

Non provo pietà

o peggio, pena.

Non è niente di tutto questo,

No.

Mi sono innamorata dei tuoi occhi

e mi è bastato vederli accendersi

di un fanciullo stupore

quando hai scoperto come si suona un theremin;

mi è bastata la tua sensibilità

nel renderti conto del mio disagio:

hai chiesto piano,

piano ti ho risposto.

Mi è bastato per ricordarmi che mi sono innamorata

dei tuoi occhi, della tua delicatezza, del tuo sorriso,

e anche delle tue sfumature blu notte.

Magari non basta a te e non posso farci niente..

Vorrei che tu potessi guardarti con i miei occhi.

 

[On Air: Fabrizio De André-Creuza De Ma’]

 

Questa voce è stata pubblicata in Blu. Contrassegna il permalink.

3 risposte a SoulWave