Verza

Non lo sapevo che l’amore potesse sentirsi anche nella verza rossa a insalata.

Non avevo mai vissuto l’amore che riempie tutto lo spazio a disposizione senza essere soffocante.

Riesco perfino a vivere il qui ed ora dando solo una rapida e fugace occhiata al domani, certa che sarà come sarà, un po’ come lo costruiamo e un po’ a sorpresa.

Riesco anche a sentirmi al caldo e solida.

Non mi sento invincibile e non mi interessa, perché finché sarò ancorata potrò farcela. E sono ancorata al cielo e alla terra. E pure alla carne.

Questa voce è stata pubblicata in cielo e basta. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Verza