Uno

Ultimo mese. Ultimo di un anno fottuto e maledetto.
Sono ancora qui attaccata con le unghie alla roccia, con le ultime forze rimaste. Qui a resistere per inerzia. Sono ancora qui, per Ultima.
Una per volta si sono chiuse tutte le porte aperte, alle mie spalle, e non si è ancora aperta l'Ultima. Nel buio freddo e umido di questo corridoio che è il duemilaundici mi riservo un sorriso beffardo lungo un mese. E mentre la rabbia, l'odio, il rancore, la pietà, il disprezzo e la commiserazione escono dai denti serrati, aspetto ancora. Perché l'attesa non è finita e il dolore che mi ha sfiancata e che ormai non sento più, è ancora lì.
Un sorriso che è per Voi, un sorriso fottuto e maledetto, perché siete tutti sotto le mie scarpe, solo che non vi guardo più, e le Vostre facce sono tutte uguali.
Un sorriso bastardo. Perché Io sono la vostra Occasione Mancata.
Non voi la Mia.

Questa voce è stata pubblicata in cielo gonfio, cielo ricorda, cielo sospeso, cielo vuoto, cielorosso, giudizi universali, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Uno