This Must Be The Day

Queste due anime che mi porto dentro saranno sempre in conflitto fra loro.

Sono capace di vivere il picco di dolore più acuto e liberarmi dalle sue catene con uno scatto improvviso di reni.

Improvviso, non improvvisato.

Ho fumato indefessamente per quasi dodici anni e quando ho deciso di smettere ho smesso. Ho scordato di essere stata una fumatrice.

Ho subito violenza. Psicologica, fisica, sessuale, verbale. Quando ho trovato il coraggio di lasciarmi tutto alle spalle non mi sono più voltata indietro.

Eppure i miei polmoni portano i segni della nicotina. E il mio cuore quelli della violenza.

Il cambiamento sembra irrazionale, improvvisato, ma non lo è.

Il dolore serve solo a covare il cambiamento.

E’ ora di andare.

Penso alla mia vita avventurosa dentro, alle storie da raccontare, al cammino che si ferma al porto. Ai giorni a venire in cui il sole tramonterà pure più di quarantatré volte.

Ai miei baci diritti, incapaci di piegarsi su una guancia.

This must be the day.

Questa voce è stata pubblicata in cielo e basta. Contrassegna il permalink.

3 risposte a This Must Be The Day