[Stretta Nel Temporale, Nel Tempo Reale]

Pioveva. Senza lampi nè tuoni, ma pioveva forte, così forte che il rumore della pioggia era quello di un torrente in piena. E non si poteva far altro che ascoltare in silenzio la vita che pioveva giù.

Ho sete

E poi il temporale. Lascio che la piena trascini con sé tutto quello che si è sedimentato… E io ad affondare i piedi nudi in mezzo alla corrente, restare ferma col naso umido, seguire gli odori di questo autunno che è perfettamente nel mio mood.

Lasciarmi attraversare

No, io non sto rannicchiata sotto una coperta. Ora. No. Io la sento, adesso, qui, la vita. Dentro e fuori che scorre, in piena. Mentre il cielo corre davanti alla finestra. Nuvole nere e nuvole bianche in un perfetto chiaroscuro. La prospettiva nel cielo. Angoli di azzurro. Luce che trafigge.

Respiro. A Sorpresa

"Prendo una Strada nuova

Tanto so che ci si trova sempre alla partenza

Vita che sa di nuovo

Non so più dove mi trovo

Non importa, pazienza…

Poi capita qualcosa che termina l’attesa

Sono Nuvole a Sorpresa"

[On Air: Darshan-Nuvole a Sorpresa]*

*Grazie, di cuore, a Stefano Rizzo Guitar, che sentite anche cantare, per questa canzone e per il resto della musica, che trovate qui , e qui .

 

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria, temporali. Contrassegna il permalink.

10 risposte a [Stretta Nel Temporale, Nel Tempo Reale]