Revolucion

Dopo i dieci anni ho sempre avuto trent’anni. Fino a trent’anni.

Dopo i trent’anni più invecchio e più divento radicale, più credo nei miei sogni irrealizzabili, più vivo dentro di essi, più mi distacco dalla realtà, meno parlo la lingua degli altri.

Più invecchio e più grandi diventano le cose in cui ho bisogno di credere. Più batoste mi dà la vita e più grandi sono le illusioni in cui mi rifugio per guarire.

C’è qualcosa di marcio tutto questo.

 

Questa voce è stata pubblicata in cielo gonfio, cielo immaginato. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Revolucion