Ragione? Sentimento?

Ancora una volta è il dubbio a far sì che i due cavalli di Platone si agitino.

Vorrei abbattere quello della razionalità e farne bistecche, essere capace di seguire fino in fondo l’istinto senza dubitare mai, quello stesso istinto che mi porta in chiesa un lunedì mattina per cadere  sulle ginocchia e in lacrime, chiedendo di allontanare da me il calice, consapevole di non essere in croce.

Possa perdonarmi il Signore per la vigliaccheria e l’umana debolezza.

Questa voce è stata pubblicata in senza cielo. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.