Poesia, chiamata Apnea

"I tuoi capelli neri a punta di inchiostro 
si aggrovigliano ai miei 
io polipo tu seppia non vuoi farti mangiare 
però nella vita c'è sempre un però 
un cielo che si appoggia sul mare 
e tu impari chi sei 
come un giocoliere spendi tutto il tempo a cercare 
il senso gravitazionale che non c'è 
e c'è un grillo che nascondo 
ogni tanto esce e dice che 
chissà 
chissà se anche lei 
è pura fino in fondo"

Samuele Bersani-Il Pescatore di Asterischi

..Anche un gioco può essere poesia..

Questa voce è stata pubblicata in giudizi universali, in volo, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Poesia, chiamata Apnea