Otto

Come quando ti tagli con un foglio bianco, nuovo.

E’ un graffio invisibile che fa più male di una lacerazione.

[Però da un foglio vissuto, piegato dal tempo, assottigliato dall’inchiostro che vi è impresso sopra da non sai più quanto, non te lo aspetti. Che possa tagliarti. E non sai per quale motivo ti senti così stupida, mentre ti succhi il dito per anestetizzare il dolore.]

 E’ che tutti siamo egoisti, e quando non lo siamo ce ne pentiamo.

 

[On Air: Marilyn Manson-Sweet Dreams (Are Made Of This)]

Questa voce è stata pubblicata in cielo gonfio, giudizi universali, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

12 risposte a Otto