Non c'è un Perché

No che non c’è, è solo che piove polvere in una giornata umida che appiccica tutto il suo grigio addosso al giallo della mia macchina. Non c’è mai un perchè quando mi sveglio così, quando la testa gira a folle e io tento di ingranare inutilmente una marcia che non ne vuol sapere di entrare, nonostante io abbia i crampi a furia di tener abbassata la frizione. Non è quella maledetta frizione il problema. E’ solo che mi devo fermare, spegnere il motore e riprovare più tardi, o domani, a mettere in moto.

Non c’è, non esiste un motivo quando sto così, quando non so che fare tra le tante cose che avrei da fare. Finisce sempre che non faccio nulla. Ma la giornata passa e io non concludo, lascio che tutto vada a cazzi suoi. Non c’è ragione quando i Radiohead suonano per me, e la voce di Thom mi squarcia. E’ come rendermi conto che in fondo loro sono sempre lì, pronti a suonare, pronti ad aspettare il momento in cui sto così.

Non c’è ragione perchè io stia così, quando tutto sembra girare per il verso giusto e io mi sento dentro che non durerà a lungo. Quando torna la maledetta abitudine di lanciare anatemi sul futuro che tanto va sempre -per fortuna- come non mi aspetto. E allora perché? Perché, maledetta me??

Perché l’unica cosa che mi chiedo è se qualcuno mai mi dirà le cose che io ho detto, se mi darà quello che ho dato senza chiedere nulla? Perché sempre quest’unica, maledetta, domanda? Fottuta egocentrica che sono, vestita di un’umiltà che mi prude addosso.  Voglio quelle cazzo di parole inutili e le voglio ora. Anche se non servono, perchè so e sento. Feeling, not hearing. E quando senti non c’è bisogno di udire.

Io non sono umile, quando voglio voglio subito, non so aspettare, non so camminare, non so respirare. E invece vivo nell’attesa, bastardo di un contrappasso che mi incatena.

Non c’è, non esiste un motivo se sono nata così.

Ma c’è, c’è un momento in cui passa questa sensazione che odio, e riesco a sorridere. Mentre Thom canta e mi consola. E tutto questo è solo il sogno di una relatà che è mille volte meglio.

"Nice dream, if you think that you’re strong enough
Nice dream, if you think you belong enough

(Now come home, now come home)
(Now come home, now come home)"

[On Air: Radiohead-Nice Dream]

 

 

Questa voce è stata pubblicata in cielo gonfio, fulmini e saette, giudizi universali, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Non c'è un Perché