No More Anymores

Sarà che quando hai conosciuto l’Amore, Il Grande Amore, quello per cui spendi tutto di te senza chiedere nulla. Tutto fino all’ultima goccia. Fino a rischiare la tua esistenza. Sarà che dopo di quello niente di tutto ciò è ripetibile per alcun essere vivente, compreso chi hai amato così. Sarà che il dopo -e il resto- è fatto di reazioni immediate, appelli concessi col contagocce e nessun ricorso in Cassazione.

Sarà che il dopo è fatto di risparmio di tempo e di sé. Sarà che le maglie si stringono. Sarà che hai imparato a difenderti. Sarà che quando stai con le spalle al muro ci sai stare e ti difendi meglio. Non puoi andare indietro, e forse nemmeno avanti. Ma è la posizione ideale per ascendere sul tuo piedistallo e guardare dall’alto in basso senza dire nemmeno una parola. Sarà che sai riconoscere le cause perse e sai tenerti le parole per chi sa ascoltare veramente.

Sarà che non hai nulla da insegnare a nessuno. Ma ti fa ridere l’intrinseca contraddizione di chi dice di sapere cosa sia amare veramente. Sarà che puoi permetterti il lusso di decidere se, come e quando le promesse vadano mantenute o semplicemente rescisse unilateralmente.

Sarà pure che tu vieni prima di tutto e sopra ogni cosa.

Sarà. Ma la sincerità è ancora l’unica cosa che si paga cara. E non ti paga mai.

[On Air: Django Reinhardt-Minor Swing]

Questa voce è stata pubblicata in giudizi universali, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

18 risposte a No More Anymores