Never Mind The Pain/Or The Aggravation

Dovrei chiedere scusa, o forse no, se a volte è troppo per me, se è insopportabile questo contagocce. Il messaggio è arrivato, forte e chiaro, mesi fa. Ciò che provo non contagia, è innocuo, distrugge solo me. Forse. E forse neanche me. Ci sono tante cose che non capisco e non oso chiedere, perché il timore di essere inopportuna o toccare tasti scomodi è troppo grande. Mi sono fatta piccola, per non disturbare, non ho più pronunciato una parola in proposito.. Mi hai messo all'angolo e io ci sto. Ho abbassato gli occhi, per non creare disagio. Ora.. Mi sento di troppo anche rannicchiata qui, spalle al muro, con le ginocchia tra le braccia e la testa tra le gambe. 
Il messaggio è arrivato, forte e chiaro. Mesi fa. Non è necessario rimarcare. Che questo è un problema solo mio. Non posso smettere di provare, così come non posso smettere di respirare. Forse è arrivato il momento di sparire, ancora, tra le mie pieghe, tra i miei pensieri. Non posso sopportare la sensazione di sentirmi tra i piedi, né quella di essere tenuta forzatamente alla larga. Tutto questo mi fa provare senso di colpa per ciò che sento. E non è giusto. Perché ciò sento è mio. E' un problema mio. 
Io ci sono sempre, qui al buio. E se vorrai saprai trovare l'interruttore. 
Goodbye, my friend. 

[On Air: Spice Girls-Goodbye]

Questa voce è stata pubblicata in cielo gonfio, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Never Mind The Pain/Or The Aggravation