Lento. Amore amor.

[Sturm und Drang]
Lento, amore amor.
Come il fuoco delle braci
hai covato silenzioso.
E al primo respiro che leva
dal batter di due ciglia
divampi e bruci ogn'or.

Lento. Amore, amor.
Piano per favore,
che non ti riesco più a tenere,
pieno, il cuore, il cuor.

Lento. Amore amor,

Come goccia di tortura
hai scavato la mia carne

Come ghiaccio nell'arsura
hai bruciato la mia pelle

Come seme nella terra
hai germogliato
infesti il campo
portato dal vento,
raccolto dalla tempesta.

Lento, Amore. Amor
m'uccidi
'ché questa messe
infinita
mi consuma.

Lento. Amore Amor
che non affondi quella falce
sì che con dolore
io possa leggere
ogni volta
nell'altrui vite
il mio nome scritto in calce.

[On Air:Vinicio Capossela-Il Ballo di S. Vito]

Questa voce è stata pubblicata in alta tensione, cielo gonfio, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.