[La Vita Meglio di Così…]

Ripercorro i contorni così ben delineati di quelle risposte che avevo pronte in tasca, qualora fosse capitato di scontrarmi nuovamente con chi speravo non mi cercasse più.

Invece quando le cose ti ripiombano addosso lo fanno all’improvviso e quelle parole scompaiono.

Mi chiedo chi, almeno una volta, illudendosi d’immenso, non abbia elaborato momenti nella mente, imparandoli a memoria come la migliore delle parti da recitare sul palco della propria tragica commedia.

Invece capita che in quel momento ti sorprendi:  hai solo voglia di attaccare al più presto il telefono, non certo di un inutile riscatto.

Tronco immediatamente il discorso e penso a questa canzone, di cui conosco i significati primordiali in via assolutamente privilegiata… La indosso come un vestito tagliato su misura, e me ne fotto di tutto il resto.

E le ferite sulla schiena, sono quelle le mie ali di porcellana.

"Ma non c’è niente da rifare

La vita meglio di così non si può avere"

[On Air: Darshan-Niente Da Rifare]

Questa voce è stata pubblicata in cielo e basta, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

23 risposte a [La Vita Meglio di Così…]