Inquisizione

ANSA. “Rinvenuto il corpo seviziato di una giovane donna. Gli inquirenti seguono già la pista del delitto passionale”.

Palermo, 16 novembre 2008.

 

Leggeva con sconforto le agenzie di stampa. Aveva appena chiuso al telefono con il commissario.

L’hanno trovata.

Giovane donna con il corpo mutilato e seviziato. Il marito ne aveva denunciato la scomparsa tre giorni prima.

Il terzo giorno è risuscitato secondo le scritture. E’ salito al cielo..”.

Gli occhi tristi e bassi, arrossati. Movimenti flemmatici e battito rallentato mentre si alzava dalla poltrona e vestiva il cappotto. L’avevano trovata, aveva detto il commissario. Doveva andare in obitorio per il riconoscimento formale. Non una parola sul luogo su cui era stata rinvenuta.

Col celeste dei suoi occhi venato di sangue e l’ombrello aperto, il battito a dare il tempo, il passo a seguire. Rallentato.

Sotto lo scroscio d’acqua. Si fermò un attimo davanti al giardino.

Dove l’avevano trovata.

[Omissis.. Il post è stato decurtato per ragioni "creative", tanto gli abituali lettori hanno già letto tutti, tranne Zoe che rimane fregata, così si impara. E sotto suggerimento ci aggiungo pure il Bro’, che dice di essere sempre presente ma distratto. E disgraziato.]


[On Air: Niccolò Fabi-Rosso]

Questa voce è stata pubblicata in alta tensione, cielo immaginato, cielo ricorda, giudizi universali, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

21 risposte a Inquisizione