[Gli Ossimori Della Mia Vita]

16 Novembre 1999. Diario.

"Non so se sia la verità, o se sto dando fondo alle risposte negative sui miei dubbi. Improvvisamente mi viene in mente che quando facevamo l’amore lui non lo facesse con me ma con E. Lo faceva sempre come se soffrisse. E come se volesse riempire un vuoto che non poteva colmare, che gli impediva di completare quell’esperienza di vita con lei. Mi ha anche chiamata col suo nome"

13 Marzo 2000. Lezione di Economia Politica.

"Sì, anch’io penso che la vita sia un imprevisto, ma questo diciamo che mi spaventa un po’.."

20 Novembre 2000. Diario.

"Nella vita ho capito che ci sono situazioni in cui non puoi davvero fare nulla, che non dipendono da te.. Anche se te ne prendi tutte le responsabilità e ti impegni al massimo

[…] Tanto lo so che non sono la persona in grado di vivere queste cose senza trasporto, senza sensazioni… SENZA AFFEZIONARSI…

[…] S. è tutto un groviglio di cose che i stimolano… Mi guarda come chi ti spoglierebbe subito.."

"I’m not aware of too many things,
but I know what I know if you know what I mean.
Choke me in the shallow water before I get too deep.
What I am is what I am.
Are you what you are – or what? "

Tralasciando gli episodi più antichi, e quelli più tragicamente recenti. Con l’ovvio sorriso imbarazzato di chi si rilegge. Mi accorgo di quanto sono diversa. Eppure sempre la stessa di allora. Di sempre.

[On Air: Edie Brickell&New Bohemians-What I Am]

 

 

 

Questa voce è stata pubblicata in cielo e basta, maestrale, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

13 risposte a [Gli Ossimori Della Mia Vita]