Bubamara

“Io so bene quello che voglio, non so ancora quello che desidero. Tu dammi quello che desidero.”

Che aspetto la pioggia s’è detto, e pure perché. Come sempre il cuore danza nell’attesa, perché si sa che il mio non sa proprio stare fermo e, anche quando è tranquillo, dondola sempre. E questa volta pare che non glie ne importi nulla della stagione torrida che non ha lasciato nessuno spazio per un piccolo temporale estivo. Fin’ora.

Questa volta il mio cuore assetato danza senza lamentarsi troppo dell’attesa, ma non chiedetegli la ragione, perché non vi risponderà. Dice solo che arriverà l’autunno e questo basta. E se gli chiedete cos’ha quest’autunno di tanto particolare rispetto a quelli passati, bhè, Lui vi dirà che non lo sa. Ve lo dirà danzando una musica gitana che fa nascere l’arcobaleno nel deserto e Lui non lo sapeva mica di desiderare proprio l’arcobaleno, finché non l’ha visto nascere, portato da una coccinella: Bubamara.

[On Air: Emir Kusturica & The No Smoking Orchestra-

Bubamara-Black Cat White Cat ST]

Questa voce è stata pubblicata in cielo e basta. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.