27 Agosto

Intrecciamo cestini di parole ed io non so, davvero, se serviranno a portare noi. O se costruiamo muri su cui arrampicarsi a mani nude, ancora una volta, tirando il fiato fino quasi a soffocare.

So che mi tremano gli occhi, le gambe e la voce quando ti guardo e mi sei vicino. Vorrei toccarti, ma ho paura che tu svanisca in mille cerchi concentrici attorno alle mie dita, come l’immagine riflessa in uno specchio d’acqua.

E mi trema anche il cuore, di gioia e paura. Quelle che si provano solo davanti alle cose grandi. Grandi e, magari, impossibili. O forse solo inconsuete.

 

[On Air: Norah Jones-Don’t Know Why]

 

Questa voce è stata pubblicata in cielo e basta. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.