Vorrei imparare da una madre la pazienza, l'abnegazione, la fiducia e la rassegnazione.
A camminare due passi indietro senza distogliere lo sguardo, ad avere due braccia, invece che due ali, sempre pronte. A sostenere la caduta e cadere insieme, e insieme risalire con fatica. Sbagliare, insieme, e correggere gli errori, anche se Lei  sa come si fa a non sbagliare, perché ha già sbagliato prima. A rinascere e farsi piccola, rinunciare a tutto ciò che ha conquistato, solo per poter comprendere e accogliere, senza tuttavia perderlo mai. 
Vorrei provare l'amore di una madre solo per poterlo dare. Perché è l'unico amore che sappia donarsi.

E dopo essere diventata finalmente Donna, capire che l'unico senso che abbia avuto questa instancabile costruzione di sé sia unicamente quello di mettersi da parte. Per qualcuno. 

[On Air: Faith No More-From Out Of Nowhere]

Questa voce è stata pubblicata in cielo gonfio, Senza categoria. Contrassegna il permalink.

2 risposte a